Articoli

,

Cinecibo – Festival del cinema gastronomico

All’interno della bellissima struttura delle Terme Lucane si è inaugurata la settima edizione di Cinecibo –  Festival del cinema gastronomico.

Una settima edizione molto speciale, organizzata da Donato Ciociola patron della manifestazione e la preziosissima collaborazione di Nicola Timpone rappresentante sul territorio della Lucana Film Commission.

Raffaela Anastasio ha dato inizio allo show con la presentazione di ” Autunno d’autore – La moda veste il Cinema”.

 Koyanco Alta moda, ha mostrato in passerella una donna forte, decisa, usando i colori ed i tessuti che ricordano la donna siciliana dell’ottocento, il bianco il rosso ed il nero e l’oro. Gli abiti mostrano trasparenze e ricami che rendono la donna ancor piu’ sensuale.

Il secondo quadro è quello di Tommaso Fierli, piu’ che uno stilista vuole definirsi un’artista, poiché i suoi abiti hanno veramente qualcosa di particolare. Abiti composti da petali di fiori e polveri ed il risultato è veramente spettacolare.

Il momento moda si conclude con Alfredo Nocera, colui che è stato l’inventore dell “Instant Fashion”. La tv gli ha dato la notorietà  (ha lavorato in tv con Raffaella Carrà, Lorella Cuccarini, Valeria Marini e tanti altri) ed il pubblico il successo. Sul palco del Cinecibo ha creato degli abiti a tema usando solo della stoffa coadiuvato da qualche spillo e qualche accessorio, e in un attimo riesce a creare l’abito di “Gilda” ( Rita Hayworth) passando per ” La dolce vita” con l’abito di Sylvia (Anita Ekberg), concludendo con ” Guardia del corpo” con l’abito di Whitney Houston. Si conclude tra gli applausi l’evento ” La moda veste il cinema”.

 

Il testimone passa al patron di Cinecibo Donato Ciociola che dà il via al meraviglioso Show cooking che ormai è un must del festival. In questa edizione troviamo in gara Pino Golia, veterano del Festival e una fantastica novità le Nonne Chef, un gruppo di nonnine che tra i fornelli si dilettano a preparare pasta fatta in casa e condimenti genuini. Lo show termina tra i profumi e qualche assaggio furtivo e tanti applausi.

 

Il momento piu’ atteso dal pubblico di Latronico è l’ arrivo di Carlo Verdone, icona del cinema italiano da 40 anni.

Accolto con un grande applauso e cori da stadio, Verdone come sempre è a disposizione del suo pubblico e si racconta.  Intervistato dalla bravissima giornalista Valentina Bisti condivide con il pubblico degli aneddoti del suo esordio e di tutta la sua carriera, molto divertenti. Uno tra tanti racconta di quando cercava un’attrice che potesse interpretare “La nonna ” di Bianco Rosso e Verdone e dice:

“Cercavo una nonna che fosse uguale alla sorella di Fabrizi, ma non riuscivo a trovarla. Insieme a Sergio Leone abbiamo fatto provini a contrabbandiere, usuraie, cravattaie, vecchie attrici del cinema muto, ma troppo vecchie e nessuna con la verve spiritosa. Poi un giorno un mio amico Saverio, che ha un bar in via dei Pettinari , mi dice : ” A Ca’ so che stai cercando una signora anziana che deve fare tua nonna – Si perché – Hai mai sentito la sora Lella che alle 12.00 parla in radio con le mogli cornute? – No – La devi sentire guarda che fa molto ridere – Ma fisicamente com è  – E’ una palla! – 

Allora curioso mi sintonizzai su questa radio, Radio Lazio, che era un’ emittente privata ed iniziai ad ascoltare questo programma che ho trovato esilarante. C’erano persone che telefonavano dalle periferie di Roma, Centocelle – Collatina – Prenestino e chiedevano a Sora Lella un consiglio e queste donne piangevano tutte perché erano state tradite, 

Sora Lella mio marito è tornato di nuovo alle 3 di notte, aveva il colletto sbavato di rossetto”

e Sora Lella – ” Sto figlio di una mignotta , gli deve da’ un carcio al culo lo devi manna’ via”

Poi dopo 45 minuti di trasmissione faceva una pausa andava al bar prendeva una bibita analcolica e poi ritornava a fare la trasmissione. 

Allora ne approfitto della pausa per parlarle e mi avvicino dicendo : “Voi siete la sora Lella?” 

” Si dimmi pure – Sora Le’ io sono un giovane attore regista, Carlo Verdone”.

e lei – “Carlo Verdone L’attore?” 

“Si”.

“Mei cojoni”.

“Sentite io vorrei chiedervi una cosa, siete in grado di fare un provino per fare il ruolo di mia nonna”.

“La nonna di Carlo Verdone? Mej cojoni”.

Cosi’ le feci fare il provino e il resto insomma lo conoscete tutti , era lei la nonna che stavo cercando e cosi’  Sora Lella è entrata a far parte di quel mondo di caratteristi che oggi è difficile trovare. “

Verdone conclude il suo intervento con un po’ di rammarico, in quanto dice che il  mondo sta evolvendo e ci sta dando tanto con le nuove tecnologie ma ci sta togliendo tanto, come le piccole botteghe, i piccoli negozietti caratteristici da cui ha attinto tanto per creare alcuni dei suoi personaggi.

Carlo Verdone saluta il suo pubblico che tanto affetto gli ha dimostrato ringraziandolo.

Si conclude con i saluti di Verdone la prima giornata del Cinecibo Festival del cinema gastronomico.

Per  oggi sabato 20 ottobre si attendono tanti ospiti come Andrea Roncato, Ricky Memphis, Giuseppe Zeno e Valeria Marini.

The Suns Smile 

Raffaela Anastasio

 

 

 

 

 

 

,

Cinecibo, Festival del cinema gastronomico- Incontri giorno 2

Il secondo giorno del Festival dedicato al cinema gastronomico apre con una importante conferenza tenuta dalla dottoressa Maria La gloria, Vice Presidente Associazione Dieta Mediterranea “Ancel Keys Pioppi”. La dottoressa spiega l’importanza del mangiar sano e la dieta mediterranea , diventata patrimonio dell’Unesco, ci propone le giuste linea guida. Il pubblico in sala composto da giovani studenti, è attento ed incuriosito dalla spiegazione della piramide alimentare.

Dopo un breve intervallo, il pomeriggio si riprende con un programma ricco di sorprese.

Cinecibo incontra Stefano Fresi

Continua a leggere

,

Cinecibo Festival del cinema gastronomico – Incontri giorno 1

La Basilicata ha accolto per la prima volta dal 27 al 29 ottobre scorsi, Cinecibo – il Festival del cinema gastronomico.

La kermesse si è tenuta nella meravigliosa cornice naturale di S.Severino Lucano, nel cuore del Parco del Pollino. Molti ospiti e molti eventi hanno reso questa sesta edizione del Festival ricca ed interessante.

Si è dato inizio al Festival con il taglio del nastro per l’inaugurazione del centro Polifunzionale di S. Severino Lucano, in presenza del Sindaco Franco Fiore, il direttore del Festival di Venezia Alberto Barbera, il direttore di Cinecibo Donato Ciociola e Nicola Timpone coordinatore marketing Lucana Film Commission.

Con una breve presentazione il Sindaco Fiore, racconta dei vari progetti a cui sta lavorando per rendere S. Severino sempre più accogliente e per il turismo e per i giovani di quelle terre. “La Basilicata è un set naturale scelto da molte produzioni cinematografiche tra cui Passion, Ben Hur, Wonder Woman, e Trust. Produzioni che permettono di far conoscere la Basilicata nel mondo  la fanno crescere economicamente e creano possibilità di lavoro per molti giovani che hanno la passione per la settima arte. Fiore all’ occhiello quest’ anno è  un film girato proprio in Basilicata , unico film italiano candidato agli Oscar: “A ciambra”.

Cinecibo incontra il Direttore del Festival di Venezia – Alberto Barbera Continua a leggere

Le giornate internazionali del cinema Lucano – Speciale De Sica – Ultimo giorno

Sabato 29 Luglio si sono concluse ” Le giornate internazionali del cinema Lucano”.

Una kermesse che è cresciuta tantissimo a cui hanno partecipato grandissimi ospiti, per citarne qualcuno: Ornella Muti, Ambra Angiolini, Valeria Marini,  Carolina Crescentini, Cristian De Sica, il quale  ha messo a disposizione la sua esperienza per un gruppo di giovani aspiranti attori, registi.

 Ha conversato con i ragazzi degli inizi della sua carriera, quando suo padre gli aveva consigliato di fare un corso di doppiaggio e non l’accademia, che avrebbe creato attori stereotipati, impostati allo stesso modo.

Racconta di aver fatto tesoro dei consigli di suo padre, quando gli diceva di non correggere i suoi difetti perché sarebbero diventati i suoi pregi.

L’attore racconta inoltre, dei periodi bui dopo la morte di suo padre, e del periodo della sua vita in cui ha vissuto a Caracas, dove ha lavorato come cameriere e di tanto intanto veniva scritturato per fare qualche lavoro. Rientrato in Italia ha iniziato ad ottenere piccoli ruoli, ma contemporaneamente lavorava nei locali come cantante e Boldi alla batteria.

Quello dell’attore è un mestiere fatto di attese, e quello che mi sento di consigliare è di non ascoltare i miei consigli, non mollate, collaborate fra voi e diventati i numeri 1, non accontentatevi, altrimenti farete una vita da ” mendicanti” sempre alla ricerca di una posa, di un lavoro. State in mezzo alla gente, ascoltate, vivete per strada, rimanete nel presente. Usate questa meraviglia del web, dei social,  per essere sempre informati, io sono numero 1 di facebook, mi piace capire cosa succede, il linguaggio che viene usato, dovete credeteci e non fatelo solo per soldi e per la popolarità, perché non arriverete mai da nessuna parte”.

Le giornate internazionali del cinema Lucano, hanno ospitato anche operatori del settore, tra cui Alberto Barbera direttore del Festival di Venezia, Pedro Armocida del Festival
di Pesaro, Antonio Monda  direttore della  ” Festa del Cinema di Roma” e Karel Och direttore
Karlovy VaryIFF, che hanno apprezzato l’immenso lavoro fatto per la perfetta riuscita di un festival come quello  Lucano, in continua crescita.

La serata di sabato è stata caratterizzata anche da annunci importanti:

Il direttore di rai 1 Andrea Fabiano, ha annunciato che il 2018 si attenderà a Maratea, in compagnia di Amadeus con la trasmissione ” L’anno che verrà”.

Dopo lunghe trattative è stato siglato durante la serata di sabato anche un grande accordo, quello tra la Regione Basilicata e L’associazione cinematografica televisiva di Bollywood.

Il progetto è stato chiamato “Namaste India”, grazie al quale le produzioni indiane gireranno opere cinematografiche in Italia e nello specifico in Basilicata. Il progetto NAMASTE INDIA vede coinvolte l’Associazione cinematografica televisiva di Bollywood e nasce sotto l’egida del Ministero dei Beni ed Attività Culturali (MIBACT) e Regione Basilicata, che a sua volta coinvolge la Lucana Film Commission.

Un’edizione 2017 ricca di sorprese e novità che fanno bene all’Italia, non ci resta che aspettare ” Le giornate del cinema Lucano 2018″ per capire quali altre sorprese ci riserveranno, Nicola Timpone e Paride Leporace.

Al prossimo anno.

 

Raffaela Anastasio

The Sun’s Smile

 

 

Giornate internazionali del Cinema Lucano – 25/29 Luglio

Giornate Internazionali del Cinema Lucano – Premio Maratea/Basilicata

Dal 25 al 29 luglio, nella perla del Tirreno, parata di star, dibattiti, workshop e proiezioni

 

Dal 25 al 29 luglio, Maratea diventa vetrina del cinema lucano, nazionale e internazionale. È l’incantevole perla del Tirreno, infatti, a ospitare, ancora una volta, la prestigiosa kermesse Giornate Internazionali del Cinema Lucano – Premio Maratea/Basilicata. La manifestazione, anche  quest’anno, si caratterizza per gli illustri ospiti e per il concreto contributo che verrà offerto alla promozione, allo sviluppo e alla valorizzazione della settima arte. Cinque giorni di dibattiti, proiezioni, incontri con i big del mondo del cinema, finalizzati alla riflessione sull’attuale panorama cinematografico italiano ed estero, ma anche  all’analisi di tendenze e scenari futuri. Un’iniziativa di grande pregio attraverso la quale la Lucana Film Commission, produttrice della rassegna, offre la possibilità ai tanti talentuosi giovani filmmaker di questa terra d’incontrare illustri attori e registi con i quali sviluppare future collaborazioni. Nel suggestivo scenario della città lucana sono pronti ad approdare tanti fuoriclasse del mondo del cinema. Dall’istrionico Christian De Sica, al re della risata Leonardo Pieraccioni, da Valerio Mastandrea a Sergio Castellitto, Margaret Mazzantini. Ma anche campionesse di fascino femminile e talento come Valeria Golino, Carolina Crescentini e Ambra Angiolini. Questa è sola una piccola parte della nutrita squadra di eccellenze del mondo della settima arte pronte a sbarcare a Maratea e a fare delleGiornate Internazionali del Cinema Lucano – Premio Maratea/Basilicata uno degli appuntamenti culturali più attesi dell’estate 2017. Sergio Castellitto gli scenari lucani li conosce bene per avervi recitato ne “L’uomo delle stelle” di Peppuccio Tornatore che a Matera ambientò la Sicilia. Non ha invece mai girato da quelle parti Valerio Mastandrea, ma mai dire mai, considerato che in quel pezzo d’Italia, da circa un lustro, quella che era una vocazione nata con Lattuada e Pasolini sta diventando sistema organizzato ed efficiente che grazie ad una giovane Film Commission molto motivata sta creando un effervescente distretto del cinema e dell’audiovisivo.Ma a lato del Red carpet anche workshop, proiezioni, vetrina di nuove tendenze e dibattiti sullo stato dell’arte a partire dall’attuazione della legge cinema con la gestazione dei decreti attuativi. Castellitto e Mazzantini si offriranno al pubblico della piazza del Gesù di Fiumicello in coppia offrendo la loro arte e la bella lezione di vita prima della proiezione di “Fortunata” che ha trionfato a Cannes. A Valerio Mastandrea invece è stato chiesto di accompagnare il particolarissimo docufilm “Romeo e Giulietta” dove l’attore romano ha prestato la sua recitazione a favore di un progetto “indie” che ambienta l’antica vicenda del Bardo tra due famiglie rom nella periferia capitolina. Da non perdere, per chi frequenta con assiduità le manifestazioni cinematografiche, la tavola rotonda che metterà a confronto i direttori delle più importanti kermesse cinematografiche di Venezia, Roma, Pesaro, Torino e Karlovy-Vary. E a far da contraltare: uno spazio dedicato ai migliori youtuber che infiammano le nuove generazioni con video dal linguaggio frenetico e diretto.  A Maratea grande spazio al cantiere Basilicata con i suoi ultimi lavori, con particolare attenzione ai cortometraggi, ai documentari e alla sperimentazione.

 

The Sun’s Smile 

Raffaela Anastasio