,

Funambole – Storie alla ricerca di equilibrio 5

“Tutto ciò che deve accadere accadrà” ho constatato che è vero.

Ale e Christian riprendono a frequentarsi e la loro amicizia torna quella di una volta, come se gli anni non fossero mai passati, come se il tempo si fosse fermato 6 anni prima o più.

Ale mi mette al corrente di tutto, ma proprio tutto. Conosco la storia di Christian come se fosse la mia. In questi anni ha lavorato tanto, ha dovuto compiere delle scelte molto importanti per lo sviluppo della sua carriera, sottraendo forse del tempo alla sua vita privata, tanto che la sua compagna, probabilmente stanca, non ha più retto e lo ha mollato per un altro, secondo lui senza motivazione reale…. ma queste cose, lo so per esperienza, hanno sempre una motivazione. Presi da altro a volte non ce ne rendiamo conto, o non vogliamo vedere.

Come per tutti, la vita ti mette davanti a dei bivi, devi percorrere una sola strada quella che ritieni giusta per te, evidentemente il lavoro per lui è stata una priorità.

Ale è entusiasta del rapporto di amicizia che riprende vita, come quello di un tempo. Non c’è giorno che non mi chiami per raccontarmi qualcosa o di un messaggio o di una telefonata o di una condivisione con Christian.

 Non riesco a non essere felice per lei, ma  mi rendo conto che inspiegabilmente ha tirato giù le barriere, i muri che la proteggono e secondo me tutto va troppo veloce.

Cerco di essere razionale e di non farmi coinvolgere dal suo entusiasmo per l’amicizia ritrovata, perchè la manager cazzuta, all’improvviso, diventa una liceale, credo che vada contenuta.

Mi dico che è tutto così assurdo, ma da quanto non la vedevo così…viva”.

In uno dei nostri incontri abituali si chiacchiera ed una sera in un pub con una birra ghiacciata mi dice:

Ale:“Raf, mi rendo conto che è tutto così strano, non sono una stupida, è appena stato lasciato, in più per un altro, il suo ego necessita di essere salvato, io credo che abbia bisogno di qualcuno che lo sostenga”.

Le rispondo: “Perdonami, allora non capisco, perché ti vuoi immolare? Io credo che sia esattamente così, che abbia bisogno di una crocerossina che gli dica quanto è bravo e quanto è bello, perché essere lasciato per un altro non è semplice da affrontare, immagino si ponga un sacco di domande alle quali non sarà mai data una risposta almeno che non chiarisca con la sua ex.”

Ale:“Christian mi ha detto che comunicano tramite w.app, per le ultime cose, affitto, bollette, ma non di altro…”.

Io:“Ah certo, atteggiamento da adulti”.

Ale:“Infatti anche io lo trovo immaturo, ma ognuno si comporta come crede, io non tollero questo tipo di atteggiamento, ma se per loro è corretto nessuno può sindacarlo.”

Rifletto osservando Ale che beve il suo ultimo goccio di birra e poi mi sorride.

“Perché ridi?”, le chiedo,

 Ale con uno sguardo dolce ed ingenuo, totalmente distante dal suo modo di essere mi dice:

“Sei la mia parte razionale, ma a volte è bello lasciarsi trascinare dagli eventi per vedere dove ti conducono”.

Io:”L’importante è non farsi troppo male, o almeno essere consapevoli che lanciandosi da un burrone senza paracadute, qualche danno lo fai”.

Entrambe scoppiamo in una fragorosa risata: “Speriamo di non schiantarci”.

Ale e Christian fanno in modo che i loro incontri diventino sempre più frequenti, e  lo scambio di messaggi e comunicazioni vocali sempre si intensificano. Messaggi che mi lasciano con un punto interrogativo.

Uno in particolare che Ale mi ha inoltrato…

Christian le scrive…“Mi manchi dal tuo ultimo messaggio”.

Con questo non ho avuto più parole, mi sono sentita al centro di qualcosa di strano, un po’ ” Casa nella prateria”, ” Mulino bianco”.. un po’ “diabetico”, zuccheroso, esageratamente finto come in un film che deve coinvolgere il suo pubblico. 

Qualcosa non mi torna.

Il mio compito è quello di ascoltare, cercare di tenere Ale bloccata sulla terra, ma lei ha necessità di vivere questa amicizia come meglio ritiene, nonostante sia consapevole che non sia vita reale, soprattutto per un’età come la nostra, e soprattutto per un’amicizia.

Per un mese o più Ale vive in una vita che secondo me non le appartiene, Christian è “il principe azzurro degli amici” che probabilmente tutti cercano, tutti vorrebbero come amico, ma anche quel tipo di amico ha i suoi difetti e soprattutto non esiste.

Ma quanto sarebbe durato quello strano idillio amicale?

Detto, fatto.

Ale si lascia andare completamente, non ha freni. Vuole vivere questa amicizia, riconquistare il tempo perso.

Una sera mi dice in un messaggio vocale tramite w.app:

“Raf mi va troppo di vederlo, gli dico che passo a trovarlo, credo che lui stasera giochi a calcetto con gli amici, magari dopo al pub passo a salutarlo e poi scappo”.

Le telefono.

“Ale avrai modo di vederlo, non stargli così appiccicata, non è da te, ricorda sempre che sta uscendo da un periodo complicato della sua vita”.

Con voce un po’ stranita, come se le stessi facendo un torto mi dice:

“Ok hai ragione, ma anche lui è così, se si sente di dire o fare qualcosa la fa, senza troppe seghe mentali, ma gli invio un messaggio e vedo se per lui va bene”.

 

“Se qualcosa può andar male, andrà male” avverte il primo assioma della legge di Murphy.

Dopo qualche ora Ale mi chiama spiegandomi che le cose non erano andate come aveva pensato.

Quella sera la parte oscura di Christian viene fuori come un tornado in piena estate. 

Tutto quello che temevo si trasforma in realtà…

La risposta di Christian al messaggio di Ale è dura, secca, si è sentito come se gli mancasse l’aria come se Ale prepotentemente volesse entrare nella sua vita senza chiedere il permesso.

Tutti mi conoscono come una persona calma , pacata, ma sentendo quelle parole…

Cosa?” ma sei matta, tu che irrompi nella sua vita, ma è assurdo, ha fatto tutto lui, dove cazzo stava prima? Ale per favore non devi continuare a giustificarlo, è una testa di cazzo, non puoi permettergli di trattarti in questo modo.”

Ale:”Calmati, lo so hai ragione, ma poi mi ha spiegato, che ha avuto un attimo di sclero”.

 Io:“Ma è una vita che gli dici, che deve recuperare prima la sua vita perché dopo una storia così lunga ha bisogno del suo tempo, e ora viene a dirti che tu vuoi irrompere nella sua vita? Ma è una follia lo capisci?. L’uomo di cui mi hai parlato, questo grande amico intelligente, comprensivo, speciale, dove lo hai nascosto?”.

Ale:”Lo so, hai ragione è un pezzo di merda, ma qualcosa mi dice di stargli vicino, tu sei stata al mio fianco quando la mia storia è finita, tu sei stata li’, ed io ci sono stata per te…non so…”

Mi sono accorta di aver alzato i toni, e l’equilibrio e la consapevolezza di Ale per quello che sta succedendo mi spiazzano, allora cerco di appianare la situazione e le chiedo:

“Ma perché noi donne abbiamo questo istinto materno? Porca paletta ci porta all’autodistruzione, ma tu non sei sua madre, per favore ricordatelo. Ricorda della tua e anche della mia storia”.

 Ale:” Lo so, lo so”.

Dal quel giorno in poi Ale è sempre rientrata nei “ranghi”, ha cercato di non esporsi oltre. Si è tenuta un po’ a distanza. Ha atteso che Christian la cercasse, che fosse lui ad inviare il primo messaggio… ha cercato di non invadere i suoi spazi, ma poi le cose sono andate sempre peggio purtroppo.

Christian ottiene un incarico molto importante, se all’inizio condivide tutti i suoi movimenti con Ale, la coinvolge, la travolge, dopo un po’ sparisce.

Questo tipo di atteggiamento spiazzerebbe qualsiasi persona adulta.

Devo gestire Ale e le sue domande, alle quali purtroppo non so rispondere, vorrei dire di mollare, di lasciare perdere, ma so che non mi avrebbe ascoltata.

Lei sta li’ in attesa, nonostante tutto sta li. Per qualche cavolo di ragione che proprio non riesco a capire.

Incurante della totale assenza di Christian, quando può passa a trovarlo, un saluto ” per far sentire che ci sono” questo mi ha detto.

Non ho mai avuto l’occasione di parlare o di incontrare di persona Christian, ma probabilmente è stato meglio così. Avrei fatto sentire che c’ ero.

Ale inizia ad essere distratta, anche a lavoro. Mi chiama spesso, non sempre posso risponderle, anche io ho un lavoro. Un atteggiamento così freddo, scostante, non riesce proprio a comprenderlo. 

Il tempo inesorabile scorre come un fiume in piena, e proprio come un corso d’acqua frastagliato cambia direzione per continuare a scorrere, così Christian cambia in continuazione le carte in tavola per  continuare a sopravvivere a ciò che lo sta travolgendo e che a mio avviso non sa gestire.

Intanto Ale è ferma, cerca di respirare .

Il sorriso del sole non abbandona mai il suo viso…

To be continued

Raf

Don’t forget to smile